Urge una "rigenerazione" del Pd calabrese. Svolta la prima assemblea della "Era Irto".




C'è voglia, se non necessità, di "rigenerazione" nel Partito democratico calabrese a margine dell'elezione di Nicola Irto a segretario regionale dopo tre anni di commissariamento che, in collegamento anche il segretario nazionale Enrico Letta, ha svolto la prima assemblea della nuova fase. "Vogliamo immaginare un Pd - evidenzia Irto-. in cui è finito il tempo delle decisioni imposte dall’alto. Serve un partito organizzato e rigenerato non per rinnegare la storia, ma per assicurare di saper agire nel tempo in cui viviamo. Dimostrare di saper agire in una società mutata dalla pandemia. Al Pd – continua Irto – serve una nuova e larga partecipazione democratica quindi il congresso che stiamo celebrando serve per lavorare con trasparenza e franchezza e il Pd dovrà saper cogliere questa sfida per puntare a essere maggioranza. Le grandi sfide da affrontare in Calabria sono la sanità, il territorio bene comune, i principi territorialità e competenza. Sula sanità – continua Irto – servono scelte coraggiose. Tutti i calabresi devono avere il diritto di curarsi. Immagino già nei prossimi giorni di istituire il dipartimento del Pd sulla sanità così da consentire ai consiglieri regionali ed arrivare a Primavera a lanciare una grande mobilitazione che possa diventare poi gli “stati generali” della sanità calabrese. Oggi il consiglio regionale è tornato ad essere il luogo dove si può discutere di sanità essendo il presidente tornato commissario". Altra sfida, aggiunge, è quella del Pnrr. «Va ripreso in tal senso l’intervento sulla digitalizzazione di Enza Bruno Bossio. Dobbiamo avere contezza dei progetti e mirare a un programma vero sul rilancio infrastrutturale della regione. Nei prossimi giorni chiederò a tutti voi un impegno in vista dei congressi provinciali. Per cominciare dal basso tutti quei momenti di confronto e sintesi in vista degli appuntamenti elettorali". Guardando ai prossimi appartamenti aggiunge "su Catanzaro si gioca una partita nazionale e già nei prossimi giorni insieme a Francesco Boccia inizieremo a fare un primo lavoro coi presidenti di circolo di Catanzaro in prospettiva elettorale. Vorrei che ci fosse un tema di ritorno alla normalità: chiedo in maniera netta il rispetto delle regole. Abbiamo approvato le prime modifiche statutarie importanti. Le regole erano ferme al 2008 e noi oggi mettiamo in sicurezza lo statuto per aggiornarlo al 2022. Le modifiche continueranno nelle prossime settimane, ma intanto abbiamo cristallizzato diversi temi tra cui quello del codice di autoregolamentazione per garantire la candidature da eventuali infiltrazioni. È ora che il Pd si muova secondo le regole statutarie. Nessuno deve essere escluso ma ognuno può dire la sua. Il Pd vuole essere centrale nella scena calabrese per storia e capacità". A salutare la nuova fase calabrese il segretario nazionale Enrico Letta che, auspicando pure in Calabria l'organizzazione di "Agorà democratiche", promette: "sarò presto in Calabria, al fianco del segretario Nicola Irto ed insieme a tutto il Partito Democratico per ridare a questa regione una nuova prospettiva politica sotto la guida dei nostri valori. Ringrazio quanti hanno lavorato per raggiungere questo obiettivo come Stefano Graziano e soprattutto Nicola Irto per il suo impegno, la sua elezione e il lavoro che svolgerà da oggi in poi. Il Partito Democratico calabrese riparte da una figura credibile e autorevole".

Francesco Rizza


18 visualizzazioni0 commenti