top of page

Riace accogliente: intellettuali e politici al fianco di Mimmo Lucano.




l linguista Noam Chomsky, altri intellettuali ed esponenti politici hanno firmato un appello hanno firmato l'appello "Mi Chiamo Mimmo Lucano" della campagna "Free Mimmo” lanciata dall’Internazionale Progressista, che si incaricherà, questo 21 marzo, di riportare all’attenzione del premier Mario Draghi e del presidente della Repubblica Sergio Mattarella la richiesta di ritirare tutte le accuse nei confronti dell’ex sindaco di Riace. La sentenza del tribunale di Locri è stata pronunciata lo scorso 30 settembre e a fronte dei reati ipotizzati di abuso d’ufficio, truffa e associazione a delinquere, tra gli altri, Lucano è stato condannato a 13 anni e 2 mesi di reclusione. I legali Andrea Daqua e Giuliano Pisapia hanno proposto Appello contro la sentenza e si attendono ora gli sviluppi in sede giudiziaria. Intanto, è stata creata. una “coalizione internazionale” che è intervenuta in difesa del “sindaco dell’accoglienza”, ritenendolo esente da alcun reato dacché le sue azioni erano fatte col solo scopo di sostenere e tutelare i migranti in arrivo al borgo."Lucano – si legge in una nota di"Internazionale Socialista" – ha reinsediato centinaia di famiglie di immigrati, dando nuova vita al paese, ed è stato premiato con tre mandati come sindaco con il suo programma di ospitalità, ringiovanimento e abbondanza”. La campagna è stato rilanciato in collaborazione con DiEM25 e Catalunya en Comi in inglese, francese, italiano e spagnolo. Noam Chomsky, membro del Consiglio, ha così spiegato l'iniziativa: "Domenico Lucano ha offerto una vera speranza per la rivitalizzazione di Riace e per il suo diventare un modello per gli altri. La sua punizione è una vergogna. Dovrebbe essere prosciolto subito e aiutato a portare avanti l’importante lavoro che aveva iniziato". Un riferimento è stato rivolto a Salvini, accusato di essere uno dei maggiori responsabili delle compagne ostraciste verso l’accoglienza: "Matteo Salvini e gli interessi radicati che rappresenta intendono inviare un messaggio che non tollereranno tali “crimini” di decenza e ospitalità. Esclusione e sfruttamento sono le uniche leggi che conoscono".

Francesco Rizza

9 visualizzazioni0 commenti
Post: Blog2_Post
bottom of page