Per l'ipotesi di bancarotta fraudolenta, ai domiciliari imprenditore di Pagliarelle.





Anche se in via cautelare considerato che il procedimento è ancora nella fase delle indagini preliminari, su provvedimento della Procura della Repubblica, la Guardia di Finanza ha posto ai domiciliare un imprenditore di Pagliarelle; frazione di Petilia Policastro. Si tratta del sessantacinque Francesco Camigliano. Secondo gli inquirenti, da quanto è dato sapere, lo stesso imprenditore era pronto ad attivare per la propria azienda di autotrasporti una bancarotta distrattiva e documentale per aggirare un debito di un milione e settecento mila euro, collegato ad una "sistematica e pluriennale evasione fiscale e contributiva". Grazie alla collaborazione di alcuni Finnanzieri di Bologna l'imprenditore aveva trasferito, anche mediante contratti di vendita simulati, i beni aziendali, tra cui nove autocarri, e i dipendenti in una nuova società creata ad hoc e intestata a un suo familiare. . Analogo schema fraudolento sarebbe stato adottato anche nella gestione della nuova società, che dopo aver accumulato in breve tempo ingenti debiti per oltre 700 mila euro nei confronti di Agenzia delle Entrate, Inps ed Inail, è stata svuotata con la cessione di beni aziendali, forza lavoro e avviamento ad una terza impresa con la stessa sede operativa ed intestata questa volta ad un ex dipendente. Sino al completamento delle indagini, toccherà ad un amministratore giudiziario nominato gestire il patrimonio, ma anche i diritti dei dipendenti, clienti e fornitori. Contemporaneamente, altre tre persone sono state deferite con le stesse ipotesi di reato all'autorità giudiziaria.

527 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti