Nicola Morra al Governo: "si faccia luce sulla morte della piccola Ginevra".




Sarà stato anche per il risalto mediatico che si è registrato a livello nazionale, non si ferma l'emozione per la morte di Ginevra, bimba mesorachese di appena due anni morta a causa del covid. Un ispezione del ministro Gianni Speranza è, infatti, stata chiesta dal senatore pentsstellato Nicola Morra. Già a margine della morte di Ginevra una indagine interna si era svolta nell'Ospedale catanzarese dell'azienda "Pugliese - Ciccio" a cura della Commissione del Dipartimento "Tutela della Salute" che ha sentito i sanitari che, prima di trasferirla inutilmente a Roma, si erano presi cura della piccola arrivata in condizioni pietose dall'ospedale crotonese. Come si ricorderà, nella immediatezza della morte, era stato il presidente della regione Calabria Roberto Occhiuto a chiedere la autopsia sul corpo della piccola. In una nota stampa diffusa nelle ultime ore, il Senatore Stefano Morra, nell'annunciare la richiesta dell'indagine evidenzia come "quanto accaduto a questa bambina è l'ennesima tragedia che colpisce la Calabria a causa di una sanità pubblica sempre più impoverita e lasciata allo sbando. L'auspicio - per Morra - è che il Ministro in sinergia con l'attuale Governo regionale possa mettere in campo ogni energia nuova per restituire più dignità a questo territorio, garantendo i livelli essenziali di assistenza. Bisogna ripartire da quelle prestazioni che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, anche in Calabria".

Francesco Rizza

57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti