Il Pecorino Crotonese sugli scudi internazionali. Esulta la regione Calabria.




Era il 2014 quando la Commissione Europea ha approvato la domanda di registrazione dello stesso formaggio al registro dei prodotti a denominazione di origine protetta (DOP). Si tratta di un formaggio a pasta dura, semicotta, prodotto esclusivamente con latte intero di pecora. E' il 1250° prodotto dell' Unione Europea ad aver ottenuto la produzione di origine protetta. È prodotto in numerosi Centri della Provincia crotonese, nei seguenti comuni della Provincia catanzarese: Àndali, Belcastro, Botricello, Cerva, Cropani, Marcedusa, Petronà, Sellia, Sersale, Simeri Crichi, Soveria Simeri e Zagarise e nei Comuni della provincia di Cosenza Bocchigliero, Calopezzati, Caloveto, Campana, Cariati, Cropalati, Crosia, Mandatoriccio, Paludi, Pietrapaola, San Giovanni in Fiore, Scala Coeli, Terra Vecchia. A distanza di alcuni anni, negli scorsi giorni il pecorino Crotonese è stato premiato medaglia d'oro nella sezione migliori formaggi d’Italia, categoria stagionati nel concorso “International Cheese&Dairy Awards” dove lo stesso prodotto crotonese ha ottenuto riconoscimenti anche nella tipologia fresco, tra tutti i formaggi a livello internazionale, come il terzo miglior formaggio da insalata.





Ad esprimere soddisfazione per il risultato, l'assessore regionale alle politiche agricole Gianluca Gallo all'interno di una conferenza stampa svolta presso la cittadella regionale, evidenziando come “siamo felici di festeggiare oggi il pecorino Crotonese Dop, un prodotto che ha ottenuto notevoli riconoscimenti, anche di livello internazionale, grazie all’efficacia azione di promozione messa in campo dalla Regione in sinergia con il presidente del Consorzio di tutela”. Sempre a detta di Gallo “i risultati sono chiari. Sono il frutto di un lavoro incentrato sulla promozione di un formaggio di qualità, attorno a cui abbiamo costruito un brand che - ha evidenziato Gallo - ha consentito di far conoscere e apprezzare, anche oltre i confini regionali, questo importante prodotto della provincia di Crotone. Questo riconoscimento aggiunge un altro tassello ad un percorso di crescita del settore agroalimentare che, peraltro, nel primo trimestre 2022, ha visto crescere del 36% l’esportazione, segno evidente che questo è il motore economico per far crescere la Calabria. L’obiettivo è di mettere in campo un’efficacia azione di innovazione, formazione e, soprattutto, di cooperazione tra le aziende agricole. Ma la Calabria ha un’agricoltura di nicchia e di qualità. Perciò, attorno a tutto questo, dobbiamo puntare ad aumentare e migliorare la promozione creando un marchio territoriale dei nostri prodotti”. Presente all'incontro con la stampa sono intervenuti anche il presidente Consorzio di Tutela del Pecorino Crotonese DOP, Francesco Scarpino. A sua detta con questo premio " il pecorino Crotonese fresco è entrato nell’olimpo dei formaggi estivi, cioè quei formaggi consumati con grande piacere nella stagione calda, proprio per la sua dolcezza e piacevolezza. Premiata anche con medaglia di bronzo nella categoria ‘formaggi semi-soft affumicati naturalmente’ la dolce e soffice ricotta affumicata, che rappresenta un unicum nel suo genere grazie alla morbidezza, alla sua dolcezza e all’affumicatura naturale. Si tratta di un grande successo per Calabrialleva – APOCC ,la Cooperativa degli allevatori calabresi, che con il suo caseificio sociale e la rete di fattorie e allevatori soci che conferiscono il latte, rappresenta in Calabria una realtà unica nel suo genere, dove l’unione e la condivisione rappresentano un elemento di forza”.

Francesco Rizza

16 visualizzazioni0 commenti