Crotonese in lutto, per la morte della piccola Ginevra.




Alto Marchesato in lutto per la morte della piccola Ginevra, la bimba mesorachese di appena due anni, morta a causa del covid. A causa di una crisi respiratoria, la piccola è morta nell' ospedale Bambin Gesù di Roma dove era stata trasferita d'urgenza con un volo militare. Il quadro clinico però era troppo grave e la piccola è purtroppo deceduta qualche ora dopo nella Capitale. Sgomento e commozione a Mesoraca dove la piccola viveva con il papà, un carabiniere di origine pugliese in servizio al comando provinciale di Crotone, e la mamma originaria del comune crotonese. Sgomento pure nella vicina Petilia Policastro e non solo, dove la morte di Ginevra sta polarizzando i social. "Forse è la prima volta - scrive Ferninando Militerno, presidente del Consiglio comunale policastrese- che le nostre comunità vengono colpite così da vicino e dal profondo da questo maelledetto virus. Ogni vita porta con sé un dolore, ma quello di una bimba di soli due anni è un qualcosa di indescrivibile che tocca tutti. La vicinanza va a tutta la famiglia, ma in particolare modo ai genitori. Che possa il buon Dio alleviare lo strazio e la disperazione". "Oggi tutta la Provincia di Crotone - aggiunge il presidente della Provincia, Sergio Ferrari - è scossa dalla terribile notizia notizia della morte della piccola Ginevra di Mesoraca, strappata alla vita troppo presto, del maledetto virus Covid-19. Il primo pensiero va alla mamma ed al papà colpito da una sofferenza straziante ed immediatamente dopo a tutti i familiari, anch'essi vittime di un dolore insopportabile. È una tragedia che colpisce per sempre, per questo intendo esprimere vicinanza e cordoglio all'intera comunità di Mesoraca. Sapendo di interpretare il sincero dispiacere di tutti i cittadini, esprimo il cordoglio più profondo di tutta la Provincia di Crotone".

401 visualizzazioni0 commenti