Cotronei : armi clandestine nella cisterna di un Operaio di Pagliarelle.





Cosa ci facevano tutte quelle armi clandestine nella cisterna di un Forestale sessantaduenne di Pagliarelle residente a Cotronei? Il sequestro delle armi e l'arresto ai domiciliari dell'operaio proprietario della cisterna sono stati realizzati dai Carabinieri della Stazione di Cotronei nell'ambito di controlli svolti insieme all’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Petilia Policastro con il supporto del personale dello Squadrone Carabinieri Cacciatori di Calabria di Vibo Valentia. Nel corso della perquisizione i militari hanno trovato occultati all’interno di una cisterna adibita a deposito di mangimi per gli animali: un fucile monocanna marca “Baikal”, calibro 12, modelloIJ-18E, con la matricola presente e visibile, ma non censita nell’apposita Banca Dati, pertanto considerato di provenienza clandestina; una pistola marca “Beretta”, calibro 7.65, con la matricola abrasa, munita di 2 (due) “caricatori”; 82 proiettili per le due armi. Intanto la popolazione dell''Entroterra presilano necessita di risposte e tranquillità. Particolarmente a Pagliarelle, infatti, i ritrovamenti di armi non dichiarate stanno avvenendo con una frequenza a testimonianza di una illegalità diffusa e la preoccupazione della popolazione continua a diffondersi lasciando perplessa la popolazione locale.

Francesco Rizza

153 visualizzazioni0 commenti